www.modellismorc.net

RISPARMIARE SULLE GOMME … Si può!

Un bell’articolo di Fabrizio Teghesi, pilota ufficiale Kyosho, AKA, OS, EZ Power e titolare della FTTech, su come risparmiare sulle gomme senza rinunciare alle prestazioni.


 

Girando per le piste durante le manifestazioni di un certo livello le marche di gomme più usate sono quelle prodotte negli Stati Uniti, visto l’andamento dell’economia mondiale, ed il cambio euro-dollaro sempre più vicino alla parità, le gomme per i nostri automodelli provenienti dagli USA sono sempre più costose, e sostenere una stagione agonistica da privati è sempre più oneroso.

Molti hanno arginato in parte il problema risparmiando sul cerchio, montando le gomme su cerchi aftermarket, ma a parer mio non è sempre la soluzione giusta, in quanto le aziende produttrici studiano il cerchio in relazione alla gomma, e nella maggior parte dei casi, l’utilizzo del cerchio originale può portare a performance migliori. Come ovvio che sia la gomma con cerchio originale made in USA raggiunge In italia prezzi abbastanza proibitivi per chi deve sostenere una stagione intera di gare, per acquistare un treno di gomme completo di cerchi AKA infatti ci vogliono circa 40 euro, mentre nel caso di Proline il prezzo sale ancora.

Fortunatamente possiamo quasi dimezzare il costo del treno di gomme andando a recuperare inserto e cerchio. Molti di voi lettori già conosceranno il sistema, il mio articolo è infatti diretto a chi non lo conosce, ma anche a fornire un sistema SICURO per far si che i cerchi ed le spugne recuperate siano praticamente paragonabili ai  nuovi.

RECUPERARE IL RIEMPIMENTO

I riempimenti in “foam” che ormai quasi tutte le ditte utilizzano sono di qualità nettamente superiore rispetto a quelli utilizzati qualche anno fà, con l’utilizzo dei vecchi riempimenti era frequente infatti che il riempimento si distruggesse o si tagliasse anche al primo utilizzo, mentre attualmente il riempimento può essere utilizzato anche 2-3 volte. L’operazione per recuperare il riempimento è molto semplice, in quanto basta tagliare la gomma utilizzando il classico foro che tutte le aziende produttrici fanno per evitare la centrifuga della gomma,

aprire completamente i lembi della gomma facendo attenzione a non danneggiare la spugna con le punte delle forbici.

una volta effettuato il taglio si può recuperare agilmente il riempimento.

a questo punto si può decidere di riutlizzarlo immediatamente oppure, una volta raggiunto un bel numero, fare un procedimento di rinnovo che consiste nel metterli in lavatrice e fargli fare un ciclo breve a bassa temperatura. A lavaggio ultimato, quando usciranno dall’oblò, avranno una consistenza ed un colore che possono essere quasi paragonati ai nuovi. Sarà sufficiente farli asciugare al sole per poi riporlo in una busta di nylon fino al prossimo utilizzo.

NB. Il riempimento usato, non lavato in lavatrice sarà più schiacciato, pertanto quando lo rimontate su una gomma nuova le darà un battistrada leggermente più piatto, mentre il riempimento “lavato in lavatrice” sarà più simile al nuovo.
Potrà sembrarvi strano ma questa è una regolazione per la gomma, in quanto gli effetti in pista saranno diversi, ed in tanti casi il riempimento non lavato in lavatrice sarà più performante.

 

 RECUPERARE IL CERCHIO

Per recuperare il cerchio si utilizza l’acetone, che è un forte solvente per il cianoacrilato che utilizziamo per incollare le nostre gomme, la maggior parte dei piloti che utilizzano questo metodo immergono il cerchio e la gomma nell’acetone ed attendono che essa si distacchi, tuttavia l’immersione totale nell’acetone può alterare le proprietà della plastica utilizzata per stampare i cerchi, pertanto vi spiegherò il sistema che utilizzo io per essere sicuri di avere un cerchio quanto più possibile paragonabile all’originale e quindi quanto più simile al nuovo. Per prima cosa và specificato che ciò che scioglie il il ciano sono i vapori e non il contatto diretto con l’acetone. Questo vi potrà far risparmiare diverso prodotto ed al contempo ottenere un risultato migliore.

PROCEDIMENTO

Tagliare anche l’altro lato della gomma in prossimità della spalla come abbiamo fatto per recuperare il riempimento.

Una volta tagliate tutte e quattro le gomme procediamo al lavaggio dei cerchi, io utilizzo del normalissimo detersivo per piatti ed un pennello, ma potete provare diversi detergenti fino ad otterere il risultato che più vi soddisfa.

Una volta lavati tutti i cerchi dovete trovare un contenitore che resista all’acetone ed abbia la possibilità di chiudersi ermeticamente, ed ovviamente, che abbia una dimensione sufficiente per poterci inserire 4 cerchi, oppure come nel caso mio 2 contenitori che abbiano lo spazio per inserire 2 cerchi ciascuno. successivamente procuratevi 4 supporti che possano tenere i cerchi sollevati dal fondo e non vengano sciolti dall’acetone, Io utilizzo dei tappi delle boccette di olio al silicone FTTech che hanno l’altezza ed il diametro giusto. ed adagiateli sul fondo delle vasche, una volta fatta questa operazione riempite il/i contenitori di acetone FINO AL LIVELLO DEI TAPPI, appoggiate successivamente le gomme e chiudete il contenitore con le apposite chiusure, controllare bene che le gomme ed i cerchi NON siano a contatto con l’acetone ed attendete 24 ore. RICORDO CHE è CONSIGLIABILE UTILIZZARE DEI GUANTI PER NON ENTRARE A CONTATTO CON ACETONE E CIANOACRILATO.

Dopo 24 ore aprite i contenitori, tirate fuori i cerchi e staccate entrambi i lembi di gomma rimasta, che verranno via senza grandi difficoltà.

 Una volta conlcusa questa operazione per tutti e 4 i cerchi si passa alla pulizia; per fare questa operazione io utilizzo il dremel con 2 utensili diversi: una spazzola in acciaio per gli angoli, ed il classico utensile con la carta vetrata per la parte dove appoggia la gomma.

Monto sul dremel la spazzola in acciaio e rimuovo il ciano dagli angoli

Successivamente faccio la parte frontale del cerchio, dove possono esserci residui di ciano e/o anche graffi o rigature causati dall’utilizzo in pista.

 Successivamente monto l’utensile con carta vetrata e rimuovo il ciano dal punto di appoggio della gomma.

L’ultima operazione è una soffiata con aria compressa ed avrete i vostri cerchi da poter riutilizzare per un nuovo treno di gomme ed il portafoglio più gonfio!
Con la pratica riuscirete ad effettuare tutte le operazioni (a parte lo scollaggio) in circa 15 minuti.

Tengo a precisare che nell’articolo ho spiegato il mio sistema, che non è il migliore e non è l’unico modo per recuperare i cerchi, ne esistono tantissimi, dalla mia esperienza però questo è il sistema migliore per avere i cerchi il più possibile simili a dei cerchi originali! Se avete difficoltà a trovare i contenitori e gli utensili come la spazzola in quanto quella che troverete nei kit base dei Dremel vi durerà molto poco, ne servono di più performanti e più durature, non esistate a contattarmi!

Spero con questo articolo di esservi rimasto utile se volete ringraziarmi potete farlo mettendo mi piace sulla mia pagina facebook

linus
linushttps://www.modellismorc.net
Modellista e webmaster di ModellismoRC.net dalla notte dei tempi

Ultimi articoli

Latest news